<< Back

L’analytics process automation per accelerare la digitalizzazione aziendale

L’accessibilità e la fruibilità dei dati sono oggi la chiave per accelerare la trasformazione digitale delle imprese, contesto che vede l’analytics process automation tra le tecnologie abilitanti delle modalità data-driven di lavorare con i dati.  

L’obiettivo è automatizzare procedure complesse, consentire a più persone dell’azienda di ottenere gli insight di cui hanno bisogno e facilitare la condivisione della conoscenza. Con l’analytics process automation, insomma, tutti i dipendenti sono messi in condizione di ottenere informazioni predittive o anche prescrittive a partire dai dati operativi aziendali, quindi contribuire più attivamente all’evoluzione e alla crescita del business. 

Le capacità dell’analytics process automation per collegare dati, processi e persone 

L’analytics process automation nasce dalla maturazione e dalla sintesi ottimale delle differenti componenti software comunemente usate in azienda per l’analisi dei dati: advanced analytics, business intelligence, data science oltre a machine learning e intelligenza artificiale (ML/AI).  

La convergenza di queste tecnologie in un unico strumento di analytics process automation permette di sviluppare concretamente l’automazione data-driven dei processi aziendali, funzionale alle esigenze della digital transformation e di una sempre maggiore democratizzazione nell’accesso ai dati.  

La convergenza nell’ambito dei tool analitici per ottenere livelli più elevati di automazione nei vari processi di preparazione e produzione di insight è oggi un trend consolidato. L’analytics process automation ha già fatto la sua comparsa in molte aziende, producendo risultati. Secondo dati Gartner è utilizzato dal 37% delle Global 2000 (oltre 6.700 aziende a livello globale).  

Le realtà che lo impiegano hanno ottenuto rapidi ritorni d’investimento, automatizzando analisi, procedure di data science e interi processi aziendali. L’analytics process automation ha reso possibili attività che, in mancanza di strumenti specifici, avrebbero richiesto numerosi passaggi manuali e integrazioni ad hoc dei dati tra strumenti diversi.  

Con l’analytics process automation diventa molto più facile ottenere il supporto dei dati quando occorre prendere delle decisioni. La disponibilità e velocità nell’ottenere insight aiuta le persone a migliorare la conoscenza del business e l’azienda nel modernizzare le modalità del lavoro. La sostituzione dei tool discreti usati per le differenti esigenze d’analisi dati con una piattaforma unificata di analytics process automation consente all’azienda di introdurre l’automazione end-to-end utilizzando approcci graduali a basso costo, facilmente gestibili con la metodologia agile. 

Il vantaggio dell’automazione dei workflow analitici con Alteryx 

Tra gli strumenti di analytics process automation, i tool Alteryx (offerti da The Information Lab, premier partner per l’Europa) si caratterizzano per l’ampia gamma di funzionalità offerte e la versatilità negli ambiti applicativi più diversi.  

Alteryx Designer nasce per facilitare il lavoro degli analisti automatizzando sotto forma di workflow i compiti di recupero/unione dei dati da varie fonti, la creazione di analisi e quindi la pubblicazione dei risultati. Le capacità di raccolta spaziano dai fogli Excel ai data warehouse, dai dati in cloud alle sorgenti big data e comprendono le funzioni per preparare, pulire e unire le informazioni nei set utili alle analisi.  

Sono integrate le capacità per gestire i dati geospaziali, per esempio, per stabilire i tempi di percorrenza nei trasporti, le aree di vendita e ottenere visualizzazioni dei dati sotto forma di mappe. La piattaforma supporta capacità di analisi predittiva e tool specifici per creare modelli statistici senza dover programmare. La capacità di supporto dei modelli statistici basati sul linguaggio R si aggiunge a funzioni per la validazione dei modelli predittivi e l’integrazione con i workflow.  

L’accessibilità e la fruibilità dei dati sono oggi la chiave per accelerare la trasformazione digitale delle imprese, contesto che vede l’analytics process automation tra le tecnologie abilitanti delle modalità data-driven di lavorare con i dati.  

L’obiettivo è automatizzare procedure complesse, consentire a più persone dell’azienda di ottenere gli insight di cui hanno bisogno e facilitare la condivisione della conoscenza. Con l’analytics process automation, insomma, tutti i dipendenti sono messi in condizione di ottenere informazioni predittive o anche prescrittive a partire dai dati operativi aziendali, quindi contribuire più attivamente all’evoluzione e alla crescita del business. 

Le capacità dell’analytics process automation per collegare dati, processi e persone 

L’analytics process automation nasce dalla maturazione e dalla sintesi ottimale delle differenti componenti software comunemente usate in azienda per l’analisi dei dati: advanced analytics, business intelligence, data science oltre a machine learning e intelligenza artificiale (ML/AI).  

La convergenza di queste tecnologie in un unico strumento di analytics process automation permette di sviluppare concretamente l’automazione data-driven dei processi aziendali, funzionale alle esigenze della digital transformation e di una sempre maggiore democratizzazione nell’accesso ai dati.  

La convergenza nell’ambito dei tool analitici per ottenere livelli più elevati di automazione nei vari processi di preparazione e produzione di insight è oggi un trend consolidato. L’analytics process automation ha già fatto la sua comparsa in molte aziende, producendo risultati. Secondo dati Gartner è utilizzato dal 37% delle Global 2000 (oltre 6.700 aziende a livello globale).  

Le realtà che lo impiegano hanno ottenuto rapidi ritorni d’investimento, automatizzando analisi, procedure di data science e interi processi aziendali. L’analytics process automation ha reso possibili attività che, in mancanza di strumenti specifici, avrebbero richiesto numerosi passaggi manuali e integrazioni ad hoc dei dati tra strumenti diversi.  

Con l’analytics process automation diventa molto più facile ottenere il supporto dei dati quando occorre prendere delle decisioni. La disponibilità e velocità nell’ottenere insight aiuta le persone a migliorare la conoscenza del business e l’azienda nel modernizzare le modalità del lavoro. La sostituzione dei tool discreti usati per le differenti esigenze d’analisi dati con una piattaforma unificata di analytics process automation consente all’azienda di introdurre l’automazione end-to-end utilizzando approcci graduali a basso costo, facilmente gestibili con la metodologia agile. 

Il vantaggio dell’automazione dei workflow analitici con Alteryx 

Tra gli strumenti di analytics process automation, i tool Alteryx (offerti da The Information Lab, premier partner per l’Europa) si caratterizzano per l’ampia gamma di funzionalità offerte e la versatilità negli ambiti applicativi più diversi.  

Alteryx Designer nasce per facilitare il lavoro degli analisti automatizzando sotto forma di workflow i compiti di recupero/unione dei dati da varie fonti, la creazione di analisi e quindi la pubblicazione dei risultati. Le capacità di raccolta spaziano dai fogli Excel ai data warehouse, dai dati in cloud alle sorgenti big data e comprendono le funzioni per preparare, pulire e unire le informazioni nei set utili alle analisi.  

Sono integrate le capacità per gestire i dati geospaziali, per esempio, per stabilire i tempi di percorrenza nei trasporti, le aree di vendita e ottenere visualizzazioni dei dati sotto forma di mappe. La piattaforma supporta capacità di analisi predittiva e tool specifici per creare modelli statistici senza dover programmare. La capacità di supporto dei modelli statistici basati sul linguaggio R si aggiunge a funzioni per la validazione dei modelli predittivi e l’integrazione con i workflow.  

Un aspetto chiave di Alteryx Designer è l’aiuto che dà alla condivisione dei risultati delle analisi attraverso la produzione programmata, o aggiornata su richiesta, di report personalizzati sotto forma di documenti pdf, formati Excel, Tableau, Qlik e altri. I workflow che portano alla creazione degli insight possono essere trasformati in app interattive dotate di una semplice interfaccia utente basate su Alteryx Server come motore d’esecuzione. Il tool server dà supporto anche all’Alteryx Analytics Gallery con cui è possibile pubblicare e rendere fruibili in modo organizzato e self-service le funzionalità analitiche in azienda. Consente inoltre di organizzare e condividere i workflow creati facilitando la collaborazione tra analisti di reparti diversi o esterni

Un aspetto chiave di Alteryx Designer è l’aiuto che dà alla condivisione dei risultati delle analisi attraverso la produzione programmata, o aggiornata su richiesta, di report personalizzati sotto forma di documenti pdf, formati Excel, Tableau, Qlik e altri. I workflow che portano alla creazione degli insight possono essere trasformati in app interattive dotate di una semplice interfaccia utente basate su Alteryx Server come motore d’esecuzione. Il tool server dà supporto anche all’Alteryx Analytics Gallery con cui è possibile pubblicare e rendere fruibili in modo organizzato e self-service le funzionalità analitiche in azienda. Consente inoltre di organizzare e condividere i workflow creati facilitando la collaborazione tra analisti di reparti diversi o esterni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.