<< Back

Tableau e The Information Lab per l’elaborazione dati nel finance

Chi oggi si occupa di elaborazione dati e di analisi finanziaria dovrebbe poter usufruire di strumenti veloci, precisi ed efficaci perché ha davanti a sé delle sfide importanti. Non solo deve far “quadrare i conti” ma anche ad esempio rilevare delle frodi, stimare il rischio e garantire il rispetto dei requisiti normativi. Il tutto sempre in tempi ristretti e con big data in formati eterogenei e in silos separati. Uno strumento agile come Tableau, offerto da The Information Lab, in situazioni come queste permette di automatizzare le attività di manipolazione e reportistica dei dati e perfino di velocizzarle. Trattandosi inoltre di un approccio self-service, il reparto finance non deve più bussare alla porta del reparto IT ma così diventerebbe autonomo, liberando allo stesso tempo i colleghi da un carico di lavoro di portata notevole.

Le “storiche” problematiche di elaborazione dati nel finance

Spesso e volentieri il settore finance non brilla in creatività e non è scontato che abbia competenze informatiche avanzate. Quando deve quindi realizzare un’analisi e produrre un report, scarica a mano i dati e sfodera i classici fogli di calcolo procedendo manualmente all’elaborazione dati per poi creare grafici con quegli strumenti che lo stesso foglio di calcolo mette a disposizione. Questo tipo di processo oltre ad essere macchinoso espone anche a dei rischi perché, facendo tutto a mano, è alta la probabilità di commettere errori compromettendo il risultato finale. C’è poi il tema dell’output: per mancanza di strumenti, e a volte anche di fantasia. Così facendo si ottengono report statici e molto tecnici, tanto criptici da dover essere presentati dal proprio autore per essere compresi. I dati finanziari sono difficili da comunicare, per riuscire a far arrivare il proprio messaggio all’interlocutore in modo chiaro e immediato è essenziale che i report siano comprensibili e accattivanti così da fungere realmente anche da strumenti di decision making.

Le nuove esigenze per l’analisi nel settore finance

In un contesto digital in cui prevale l’approccio open, la condivisione di dati e documenti diventa un presupposto essenziale per la collaborazione e l’identificazione di nuove strategie vincenti. Per questo il mondo finance inizia ad avere maggiori pretese dall’elaborazione dati a cui il classico foglio di calcolo non è in grado di dare risposta.

Alla necessità di realizzare e presentare un bilancio in maniera efficace e di migliorare la gestione di forecast e budget, si affianca anche quella di ottenere un report da poter condividere con chiunque, all’interno e all’esterno dell’azienda in modo agile. E si deve trattare di un report interattivo, caratteristica essenziale in un settore le cui dinamiche sono difficilmente descrivibili con una “fotografia” statica della situazione e le cui esigenze sono spesso legate al confronto di parametri o al loro sviluppo nel tempo.

Con Tableau report interattivi, efficaci e condivisibili 

Un approccio efficace per ridurre la distanza tra necessità, problemi e soluzioni è l’utilizzo di una piattaforma di self-service data analytics come quella proposta da The Information Lab. Tableau si rivela subito uno strumento di elaborazione dati di facile utilizzo e in grado di rispondere alle esigenze del settore finance. Può essere collegato direttamente alle sorgenti di informazioni e permette di costruire flussi di manipolazione e riallineamento dati personalizzati. Sempre lo stesso strumento crea direttamente un report interattivo che non solo è in grado di fornire le risposte a tutte le domande dell’autore e dei suoi interlocutori, ma si aggiorna in automatico. Ciò significa che non si ha che da aprire il proprio pannello per trovarsi di fronte il quadro della situazione estrapolato dai dati più recenti a disposizione. Per condividere tale report, inoltre, non serve inviare pesanti allegati, perché una volta pubblicato in un ambiente cloud, ci sarà poi un solo semplice link per farvi accedere chi si desidera.

Non va dimenticato, per due importanti ragioni, anche il tema della velocità con cui tutto ciò avviene. Prima di tutto perché nel settore finance la tempestività delle decisioni è tutto e se per prenderle diventa necessario realizzare più e più report, come nel caso di quelli statici, si rischia di perdere delle buone opportunità di business. E poi perché il tempo che Tableau fa risparmiare procedendo in automatico con l’elaborazione dati, si traduce in effort risparmiato dei propri collaboratori e quindi in ore da spendere in attività a maggior valore aggiunto rispetto al caricare dati su un foglio di calcolo, o rifare l’ennesima variante di un medesimo report. 

Il percorso con The Information Lab verso l’autonomia 

Grazie ad uno strumento come Tableau, una piattaforma scalabile e di facile utilizzo dotata di una flessibilità tale da permettere di creare analisi sofisticate partendo da dati di diverso formato, i dipartimenti finanziari possono migliorare l’analisi e l’elaborazione dati completando molto più rapidamente i cicli di domanda/risposta e ottenendo anche un risultato gradevole alla vista oltre che efficace. The Information Lab quando è chiamato ad introdurre questo prezioso strumento, rende il team finance in grado di lavorare in piena autonomia nel giro di circa un mese, e per piena autonomia si intende anche senza dover domandare nulla a reparto IT.

Clicca qui e scarica il White Paper: Non c'è crescita senza dati

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.