<< Back

Parlamentari italiani inquisiti durante la XVI legislatura

I reati commessi/presunti, durante la XVI legislatura, sono i più vari:  sfruttamento di lavoro minorile, frode fiscale, corruzione, finanziamento illecito.

Il reato più commesso è quello di corruzione, mentre il politico più inquisito è Giuseppe Ciarrapico, seguito da Silvio Berlusconi (premier dall’ 8/05/2008 al 16/11/2011).

I partiti politici maggiormente coinvolti sono anche quelli più votati (PDL, PD e Lega) con un’egemonia incontrastata dei PDLini con ben 66 inquisiti su 315 tra deputati e senatori del partito.

Pur essendo il secondo partito maggiormente colpito, il PD ha una percentuale di inquisiti sul totale dei deputati e senatori eletti tra le sue fila, del 5,2%, maggiore soltanto rispetto al Partito finiano dell’FLI e Popolo e Territorio.

[tableau url=”https://public.tableau.com/views/PanoramicainquisitiXVIlegislatura/Story1?:embed=y&:display_count=yes” width=”650px” height=”1200px”][/tableau]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.